14 aprile 2013

Intervista ad Augusto Bartesaghi


Intervista ad Augusto Bartesaghi

Sempre più vicini all’inizio della stagione del circuito Trialario, importante appuntamento per i trialisti, e che festeggia la sua decima edizione.

Tra i fondatori, come più volte ribadito, oltre a Luigi Schiavi (che abbiamo intervistato circa una quindicina di giorni fa)  anche il dinamico Augusto Bartesaghi. Per  un discorso di par condicio ovviamente, ci sembrava giusto, ed onorati, di sentire le figure storiche di questo circuito.

“  Ormai è quasi tutto definito per la nuova stagione: la decima edizione  del  Trialario . Un traguardo storico, importante, ed anche, di grande orgoglio per me e per Luigi. Sì, Trialario : un gioco di parole, ossia Trial e Lario. Vuol dire parlare di noi, quello che facciamo e proponiamo. TRialario significa fare sport, agonismo, ma anche divertimento, spirito amichevole, stare insieme e ritrovarsi per condividere una passione completa. Con un pizzico anche di aspetto turistico perché facciamo conoscere una parte del territorio lecchese, comasco, valtellinese ed anche fuori provincia>>
Ovviamente chiedo. Per il 2013 ci sono novità?
“Cosa c’è di nuovo? Proviamo sempre a  sperimentare nuove  idee e si ampliano progetti per i partecipanti. Ripeto la decima edizione Trialario , ma ecco la prima edizione della Jotogas . Con grande orgoglio Siamo riusciti a coinvolgere una casa motociclistica a supportare il nostro progetto e a sua volta a far conoscere i suoi prodotti. E, fra l’altro, ci sarà anche una categoria specifica>>
Altra novità
“Novità aggiuntiva, per la sicurezza personale e del proprio mezzo è l’inserimento obbligatorio del dispositivo di spegnimento automatico in caso di caduta  denominato Kill Switch”

Augusto Bartesaghi ci ha preso gusto nel parlare
“Ricordo che i piloti minorenni e le ragazze non pagheranno la quota gara di euro 15 (spero cosa  gradita) come ulteriore aiuto.  E’ stata innalzata l’età minima per partecipare al campionato ai 14 anni per poter assicurare la partecipazione a tutte le gare in calendario su percorsi adatti, (vedi codice stradale), però in futuro non è escluso l’inserimento di altre categorie”
Un messaggio da parte di Bartesaghi ai piloti
“  Purtroppo causa crisi non più tutto sarà dovuto come nei precedenti anni: si fa fatica a trovare materiale tecnico Trial e in più costa caro. Vi dobbiamo chiedere un piccolo sacrificio una preiscrizione da versare al primo incontro (vedi regolamento) per poter accedere con l’impegno ai vari step del montepremi. Ringrazio tutte le società e non , che partecipano attivamente al progetto Trialario  che ricordo essere valido come campionato Regionale-Interregionale UISP . Grazie alle Amministrazioni ed Enti che ci ospiteranno per le otto  date del 2013”
Ed infine
“ Ci stiamo guardando avanti per la prossima stagione  2014 cercando di proporre con nuove località, idee ed altro ancora. Lo staff  TRIALARIO, e voi siete il TRialario,  ringrazia per la fiducia”

 


Lasci una risposta

You must be a logged in to post a comment.

Lascia un Commento